Un festival per i 200 anni del pittore William Turner in Umbria

Ott 4 • Terni Falls Festival • 85 Views • Nessun commento su Un festival per i 200 anni del pittore William Turner in Umbria

William Turner ritorna in Umbria a distanza di 200 anni.

Il grande pittore inglese sarà infatti il principale protagonista del Terni Falls Festival 2019 (11-20 ottobre), un evento che celebra i famosi viaggiatori che hanno visitato l’area di Terni, Narni e Valnerina ai tempi del Grand Tour.

In particolare, c’è grande attesa per la mostra immersiva in 3D che gli organizzatori, riuniti nell’ambito dell’associazione culturale Porto di Narni, approdo d’Europa, hanno allestito al Caos di Terni selezionando alcune delle opere di Turner più famose. Di seguito un video promo:

https://www.youtube.com/watch?v=b6I_s9UQs8s

William Turner soggiornò in Umbria nell’autunno 1819. L’artista, considerato uno dei precursori dell’Impressionismo, giunse da Ancona, e si fermò a Foligno, Spoleto e Narni nel viaggio di andata, e a Perugia in quello di ritorno.

Turner realizzò molti disegni durante il suo soggiorno. Parecchi di questi hanno la Cascata delle Marmore come soggetto.

Questi lavori sono ben documentati nel libretto Ancona to Rome sketchbook che risulta nella collezione della Tate Britain a Londra.

Prima di venire in Umbria, Turner aveva già dipinto alcuni acquerelli della Cascata di Terni e del Ponte di Augusto a Narni.

Tre di questi li aveva realizzati negli anni 1795-1796, prendendo spunto dai disegni fatti durante un viaggio in Italia dall’artista John Robert Cozens.

Gli altri vennero invece creati intorno al 1818, quando Turner aveva collaborato con l’architetto James Hakewill per produrre alcuni acquerelli da trasformare poi in incisioni.

Il risultato finale furono delle bellissime immagini della cascata di Terni e del Ponte di Narni pubbicate nel 1820 con il volume A picturesque tour of Italy.

William Turner rivisitò i disegni fatti da James Hakewill qualche anno prima. In particolare, il pittore volle dare alla Cascata di Terni un aspetto più romantico, con l’aggiunta dell’ arcobaleno.

La scelta fu ispirata dalla poesia Falls of Terni composta da Lord Byron nel 1817. Quell’acquerello fa oggi parte della collezione del Blackburn Museum and Art Gallery.

Nel 1832, William Turner produsse un bellissimo dipinto come tributo all’opera di Lord Byron Childe Harold’s Pilgrimage. Nella tela è rappresentato un paesaggio italiano di fantasia, in cui si riconoscono tuttavia i due ponti di Narni, cioè quello romano e quello medievale. Il dipinto fa bella mostra di sé in una sala della Tate Britain di Londra.

Come già accennato sopra, il Terni Falls Festival si svolgerà tra Terni, Narni e la Valnerina nel periodo 11-20 Ottobre 2019.

Il programma prevede conferenze sul pittore, momenti di pittura estemporanea, workshops, spettacoli teatrali e la proiezione del film Turner, uscito nel 2014 con la regia di Mike Leigh.

Il Terni Falls Festival celebrerà inoltre il bicentenario del soggiorno sul territorio del poeta e compositore Thomas Moore.

Il poeta irlandese, che visitò la Cascata di Terni il 18 novembre 1819, scrisse poi delle bellissime parole in merito a quella esperienza. Di seguito un breve stralcio tratto dal suo diario di viaggio:

<<Never was anything so magnificently picturesque at this spot. It is not merely the waterfall, though perfect in its way, but every step and every view is full of enchantment>>.

A Thomas Moore saranno dedicate un paio di conferenze ed un concerto di musica tradizionale irlandese, eseguito dai ragazzi del Liceo Musicale Angeloni di Terni.

Interverranno nel ruolo di relatori il professore emerito Ian Campbell Ross (Trinty College Dublino) e la storica dell’arte Silvia De Vecchi (Science Museum Londra).

Essendo un festival organizzato nell’ambito del volontariato, molti degli eventi saranno a carattere gratuito.

Il festival è patrocinato dalla Regione Umbria, dalla Provincia di Terni, dai Comuni di Terni, Narni, Montefranco, Arrone e Ferentillo, dalla Camera di Commercio e dal progetto Terre di San Valentino, e ha come partner l’ERG e la Fondazione Carit.

La mostra multimediale su Turner è invece prodotta dall’agenzia Ackagi di Paul Harden e Grazia Genovese.

Info: assportodinarni@gmail.com

L’immagine di copertina è tratta dal sito Meister Drucke, dove è possibile acquistarne un riproduzione. La tela originale è stata invece venduta dalla casa Thomas Agnew and Sons.

https://www.meisterdrucke.uk/fine-art-prints/Joseph-Mallord-William-Turner/209086/The-Bridge-at-Narni-.html

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »