• Riapre la Guildhall Art Gallery

    Gen 15 • Eventi • 3917 Views

    Riapre al pubblico venerdì 16 gennaio la Guildhall Art Gallery, che ospita la galleria d’arte della City of London Corporation. Inaugarata nel 1886, e ricollocata nel 1999 dopo che un blitz nella seconda guerra mondiale ne aveva distrutto l’edificio originario, la galleria è stata in questo ultimo periodo sottoposta a lavori di rimodernamento, che hanno portato a una nuova ricollocazione delle opere. Essa ospita tele che vanno dal 1670 ad oggi, tra cui ritratti del XVII secolo, capolavori dell’arte Pre-Raffaelita, e affascinanti dipinti che ripercorrono drammatici aspetti della storia di Londra. Tra gli artisti in esposizione alla Guildhall Art Gallery, si citano John Everett Millais, Dante Gabriel Rossetti, John Constable, Abraham Solomon, Edward John Poynter, Edwin Landseer. L’attuale edificio riprende i motivi gotici dell’adiacente Guildhall, che è la sede cerimoniale e celebrativa della City of London. Sotto alla Guildhall Art Gallery trovano inoltre posto i resti di un anfiteatro romano databile al 70 d.C., un tempo dedicato a giochi con gladiatori, battaglie tra animali e esecuzioni capitali. Scoperto nel 1988, l’anfiteatro è una lucida testimonianza del passato della Londra romana. L’ingresso alla galleria e l’anfiteatro sono gratuiti.

    Nessun commento su Riapre la Guildhall Art Gallery

    Read More
  • Una grande villa romana rinvenuta nel Wiltshire

    Gen 6 • Luoghi e Personaggi • 2395 Views

    È una villa romana tra le più grandi rinvenute fin qui nel Regno Unito quella che è emersa nelle adiacenze di una proprietà privata nei pressi di Tisbury, nella contea inglese del Wiltshire.

    Tutto nasce da alcuni lavori che il signor Luke Irwin stava conducendo intorno alla sua casa, con l’intenzione di posizionare dei cavi per l’elettricità in modo da illuminare una vecchia stalla sul retro dell’abitazione, così che i suoi ragazzi avessero potuto giocare lì a ping pong. Non appena gli operai hanno cominciato gli scavi, si sono imbattuti in qualcosa di solido, 45 centimetri sotto la superficie.

    Incuriosito da quello che è parso da subito un mosaico romano, peraltro in buone condizioni di conservazione, il signor Irwin ha così convenuto di contattare gli archeologi dell’Historic England e del Salisbury Museum, nell’intenzione di capire l’entità del ritrovamento. Effettuate le prime valutazioni del caso, si è stabilito che il mosaico facesse parte del pavimento al piano terra di una grande villa romana, che si estendeva su tre piani, coprendo un’area di circa 100 metri in larghezza e altrettanti in lunghezza.

    Durante il sondaggio archeologico, protrattasi per una durata di otto giorni, sono venute fuori diverse sezioni di muro, monete, vasellame pregiato, spille ed ossi di animali, oltre a centinaia di gusci di ostriche, ad ulteriore dimostrazione di come i proprietari di quella villa dovessero vantare uno status molto agiato (il mare dista circa 45 miglia).

    È venuto inoltre alla luce un pozzo, dei tubi utilizzati per il riscaldamento e la bara in pietra che dovette servire per la sepoltura di un ragazzo.

    Si ritiene che la costruzione, edificata in un periodo compreso tra il 175 ed il 220 d. C., avesse avuto circa 20-25 stanze solo al piano terra. La sua grandezza è stata equiparata a quella della famosa villa di Chedworth scoperta nel 1864 nella contea del Gloucestershire.

    <<Dopo il suo crollo, avvenuto circa 1400 anni fa, questo sito non è stato più toccato –ha spiegato l’archeologo David Roberts di Historic England- e ciò lo rende di enorme importanza e di incredibile potenziale in termini di ricerca. Una scoperta simile non trova precedenti nel nostro recente passato. È un’opportunità unica per comprendere la dominazione Romana in Gran Bretagna>> .

    Necessitandosi risorse economiche notevoli per uno scavo completo e per la successiva conservazione del sito, si è tuttavia per il momento deciso di risotterrare i reperti venuti alla luce. La scoperta, riportata dai mezzi di comunicazione britannici in data 16 aprile 2016, è avvenuta nell’estate del 2015.

    Credit: Aerial Filming Services Ltd/Past Landscapes Project/PA

    Nessun commento su Una grande villa romana rinvenuta nel Wiltshire

    Read More
  • Londra – Capodanno 2015

    Gen 5 • Video • 3229 Views

    Nessun commento su Londra – Capodanno 2015

    Read More
  • Londra, un micro suino che beve birra

    Gen 2 • Luoghi e Personaggi • 2539 Views

    Immaginate di stare seduti in un locale a sorseggiare una birra e di vedervi arrivare un piccolo maiale che vuole assaggiarne un po’. È quanto capita spesso in un pub londinese nel quartiere di West Norwood (zona sud della capitale), chiamato Conquering Hero, dove una simpatica micro maialina vietnamita di nome Francis Bacon si aggira tra i tavoli alla ricerca di una sorsata di pinta o di qualche patatina da sgranocchiare. Negli ultimi tempi, tuttavia, il suino si era fatto molto più esigente, al punto da infilarsi sotto i tavoli e prendere a testate i clienti per richiamare la loro attenzione, o addirittura rubando le loro noccioline appena se ne presentava l’opportunità. A dispetto della dieta vegetariana imposta dai suoi proprietari, sembra che Francis Bacon sia così ghiotta da mangiare addirittura i cosiddetti “pork scratchings”, ovvero degli stuzzichini a base di maiale derivati appunto dalla sua stessa specie. A fronte delle lamentele dei clienti, alla maialina è stato adesso proibito l’ingresso nel locale. Dovrà restare invece in giardino, con i clienti gentilmente pregati di non servirle alcun tipo di alcoolico. Sicuramente una notizia originale che non mancherà di attirare la curiosità della gente. Avete voglia di una birra dopo un giro della città? Saremo ben felici di accompagnarvi con noi a West Norwood alla scoperta della maialina vietnamita: a patto però che non le offriate da bere!

    Nessun commento su Londra, un micro suino che beve birra

    Read More

  • Una nuova scultura a Trafalgar Square

    Gen 1 • Luoghi e Personaggi • 3328 Views

    Si chiama Gift Horse la nuova scultura che ha preso posto nel quarto basamento della centralissima Trafalgar Square, dove rimarrà fino al 2016. Essa rappresenta lo scheletro di un cavallo, privo del suo cavaliere, che ha legato alla zampa anteriore un nastro elettronico connesso alla London Stock Exchange, cioè la Borsa di Londra. L’opera, realizzata dall’artista tedesco Hans Haacke, sembra abbia trovato ispirazione ad una statua di William IV originariamente destinata per quel basamento, ma mai collocata a causa di mancanza di fondi. Di certo ricalca un’incisione fatta nel 1766 dal pittore inglese George Stubbs, che è in esposizione nella vicina National Gallery. Sebbene Haacke abbia voluto lasciare aperto il campo delle interpretazioni, il significato della scultura pare da intendersi in una connessione tra potere, soldi e storia, dove il cavallo sarebbe appunto rimasto solo con lo scheletro a causa dell’austerità. L’opera rimpiazza quella di un grande gallo blu che era rimasta sul quarto basamento per una durata di 18 mesi. Haacke ha 78 anni e vive a New York.

     

    Nessun commento su Una nuova scultura a Trafalgar Square

    Read More
  • The Clash – London Calling

    Nov 25 • Video • 4589 Views

    Uno dei concerti dei Clash più apprezzati: il concerto a Londra del 1978 a Victoria Park.

    Non dimenticate il nostro Tour Londra leggende del rock , che vi porta alla scoperta delle attrazioni turistiche più importanti di Londra.

     

    Nessun commento su The Clash – London Calling

    Read More
  • London

    Nov 25 • Video • 4039 Views

    Nessun commento su London

    Read More
  • MERCATINI, ARTE E PANORAMI: TRA CAMDEN TOWN E KENWOOD HOUSE

    Ott 7 • Tour Londra • 3639 Views

    In questa visita guidata di Londra in italiano vi porteremo alla scoperta della zona nord della città, tra coloratissimi mercatini, suggestivi panorami della capitale e mostre d’arte generalmente sconosciute al turista di passaggio. Sarete voi a decidere se terminare il giro tra le tele della Kenwood House o piuttosto tra le bancarelle di Camden Town.

    Noi vi consigliamo di partire con lo splendido scenario che si gode dalle verdi colline di Hampstead Heath, gustarvi le tele di pittori famosi quali Rembrandt, Vermeer, Gainsbourough e l’italiano Guardi, contemplare ancora un po’ il parco e la splendida veduta di Londra, quindi dirigersi a Camden Town in quello che può considerarsi il mercato più autentico e caratteristico per eccellenza.

    Se poi avrete ancora voglia di natura e panorami, potremo allora terminare con i magnifici roseti di Regent’s Park, o sulla cima del piccolo parco di Primrose Hill, rinomata zona dove risiedono popolari musicisti e attori, che con una buona dose di fortuna capita a volte pure di incontrare.

    Se invece vi interessa più la storia delle idee poltiche e avete una certa attrazione per il macabro, allora la visita potrebbe includere un passaggio dal noto cimitero di Highgate, scelto per l’ambientazione di pellicole horror e luogo di sepoltura del filosofo Karl Marx (biglietto di ingresso £ 4 non incluso nella tariffa del tour).

    L’itinerario si svolge prevalentemente a piedi, ma per raggiungere Kenwood House sarà tuttavia necessario prendere un autobus. I bambini potranno ammirare gli animali che sono nel parco, come scoiattoli, papere e cigni.

    Prezzo da £ 15 a persona per tour di mezza giornata, da £ 25 per tour completo (offerta valida per gruppi di almeno 4 persone). Itinerario non provvisto di copertura assicurativa.

    Possibili combinazioni per un tour di una giornata:

    Il British Museum per chi ama la storia e l’archeologia.
    Highgate Wood e Alexandra Palace per chi ama il trekking e la natura.
    I Beatles nel nord di Londra per chi ama la musica.
    Little Italy per chi vuole conoscere la storia della comunità italiana.

    Nessun commento su MERCATINI, ARTE E PANORAMI: TRA CAMDEN TOWN E KENWOOD HOUSE

    Read More
  • LA LONDRA DELL’ARTE E DELLA MODA

    Ott 2 • Tour Londra • 3843 Views

    In questa visita guidata di Londra in italiano vi porteremo alla scoperta del cuore pulsante della città, dove teatri, discoteche e negozi all’ultima moda si intrecciano a storie, tradizioni, etnie e tendenze. E dove sorge la National Gallery, uno dei musei più prestigiosi al mondo per importanza delle opere d’arte in esposizione.

    Il giro parte dal suggestivo scenario di Trafalgar Square, ai piedi dell’imponente colonna dell’ammiraglio Nelson, e subito ci si immerge tra i capolavori della National Gallery, dove oltre all’arte italiana del periodo 1400-1500 (Leonardo Da Vinci, Botticelli, Piero della Francesca, Michelangelo, Raffaello, Tiziano etc.) si potranno ammirare dipinti celeberrimi quali i Girasoli di Van Gogh o le opere di Monet, Cezanne, Turner e molti altri.

    Da qui ci si sposta verso i tradizionali mercatini di Covent Garden, nota anche per i suoi divertenti artisti di strada. Si giunge quindi nell’ampia Leicester Square, tempio mondiale del cinema.

    Si attraversa poi la coloratissima China Town, storica enclave della comunità cinese, per dirigersi nel cuore di Soho, il più londinese e vero di tutti i quartieri.

    Una volta a Piccadilly Circus con le sue scintillanti insigne luminose ed i suoi teatri, ci si sposta in direzione di Carnaby Street, che richiama gli anni ’60 e il clima della Swinging London.

    Arrivati ad Oxford Street, si potrà dare un’occhiata ai lussuosi magazzini di Selfridges o alle prestigiose boutiques lungo Bond Street, oppure finire a far la spesa in negozi dai prezzi popolari quali Primark e Lillywhites, molto appetibili ai ragazzi.

    Per i bambini, invece, possibile entrare da Hamleys, uno dei negozi di giocattoli più belli al mondo.

    L’itinerario, della durata di circa 4 ore, è completamente pianeggiante e per nulla faticoso. Non richiede l’uso di mezzo pubblici. Il prezzo varia sulla base del numero dei partecipanti (ragazzi sotto i 16 anni gratis). Il tour non è provvisto di copertura assicurativa. Per info e prenotazioni: londrainitaliano@gmail.com

    Nessun commento su LA LONDRA DELL’ARTE E DELLA MODA

    Read More
  • London From The Air – A Quadcopter Film

    Mar 21 • Video • 3806 Views

    London From The Air was shot entirely with a GoPro Hero 3 Black and a DJI Phantom 2. Scenes include Spitalfields, Shoreditch, Greenwich, the Millennium Bridge, OXO Tower, and St Paul’s Cathedral among others.

     

    Nessun commento su London From The Air – A Quadcopter Film

    Read More