La testa di Augusto che fu sotterrata per sfregio dai Kushiti

Giu 29 • Luoghi e Personaggi • 2694 Views • Nessun commento su La testa di Augusto che fu sotterrata per sfregio dai Kushiti

Tra i reperti di origine romana conservati al British Museum di Londra, il visitatore rimane solitamente colpito da una testa in bronzo dell’imperatore Augusto, che soprende per l’ottimo stato di conservazione e le straordinarie sembianze.

Questo pezzo iconico del museo londinese, di grandezza più grande rispetto al naturale come nei canoni classici greci, è conosciuto con il nome di Testa di Meroe, dal nome del luogo in cui è stata rinvenuto dall’archeologo britannico John Garstang nel 1910.

Meroe fu per molti secoli la capitale del Regno di Kush, che si estendeva geograficamente tra il sud dell’Egitto e il nord del Sudan, ovvero ai confini con l’Impero Romano, ragione per cui non mancarono screzi tra le due fazioni. Nel 25 a. C., i Kushiti penetrarono nel territorio dei loro rivali sottraendo appunto molte statue, tra cui quella di Augusto da cui proviene l’affascinante testa. I Romani invasero poi parzialmente il Regno di Kush, senza tuttavia mai riuscire a raggiungere ed insidiare la loro principale roccaforte.

In segno di sfregio verso l’imperatore e la sua autorità, i Kushiti seppellirono quella testa ai piedi di una scalinata che faceva da ingresso ad un tempio, così che tutti i fedeli l’avessero simbolicamente calpestata. Rimase sotto terra per circa 1900 anni, da qui il motivo che spiega la sua pregevole conservazione a dispetto dei tanti secoli.

A rendere incredibilmente realistico il reperto è la presenza degli occhi, che sono invece andati persi nell’altre statue in bronzo dedicate ad Augusto. La Testa di Meroe viene pertanto associata alla resistenza che le popolazioni africane a sud dell’Egitto opposero agli invasori.

Essa rappresenta una tappa consueta della nostra visita guidata al British Museum.

 

Foto Aiwok

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »