• Affordable private tours London

    Lug 29 • Eventi • 587 Views

    We offer London private tours at affordable rates, both in English and Spanish language.

    Our half day London walking tours (about 4 hours) cover all the main city attractions and museums (British Museum, National Gallery, Natural History Museum, Tate Modern, V&A Museum).

    Our rate for a couple is only £ 80. In terms of value, it is quite a cheap tour of London !

    Londra in Italiano is a team of qualified and experienced tour guides based in London.

    In 2018, we have been rewarded with the Tripadvisor certificate of excellence.

    One of our guides will come to meet you in the area where you are staying.

    We will provide support in order to let you buy the most convenient transport ticket for your stay.

    The most popular budget London tours we offer are:

    Royal and political London: (Piccadilly Circus, St James Park, Buckingham Palace, Changing of the Guard, Westminster Abbey, House of Parliament and Big Ben, 10 Downing Street, Trafalgar Square, Covent Garden, China Town, Leicester Square).

    City of London and Riverside: (St Paul’s Cathedral, Millennium Bridge, view from the Tate Modern, Globe theatre, Borough Market, Southwark Cathedral, HMS Belfast warship, Hay’s Gallery, Tower Bridge, Tower of London).

    Tour of Greenwich (Cutty Sark, Old Royal Naval College, Greenwich Market, Queen’s House, National Maritime Museum, view from the Royal Observatory).

    Tour of East End and Street Art (Shoreditch and Brick Lane area).

    Tour of British Museum and Camden Market.

    Please note: in the price it is not included any ticket entrance. However, we can provide tickets for the main attractions at competitive rates (included Warner Bros Studios and Madame Tussaud).

    Also, we can arrange for you transfers from and to the airport and daily excursions outside London.

    Insurance is not included either.

    For more information, please contact us at:

    londrainitaliano@gmail.com

    0044-7831696510.

    Image from the Wikipedia user PaulLomax

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Nessun commento su Affordable private tours London

    Read More
  • I luoghi della Principessa Diana a Londra

    Lug 1 • Luoghi e Personaggi • 342 Views

    LONDRA – Il 1 luglio 2018 la principessa Diana avrebbe celebrato il suo compleanno numero 57. Vogliamo quindi rendere omaggio alla principessa del popolo indicando una serie di luoghi connessi con Lady D a Londra.

    Il riferimento a lei più forte è sicuramente il Kensington Palace, dove la principessa del Galles visse dal 1981, all’indomani del suo matrimonio, e rimase anche dopo la separazione con il principe Carlo. È qui che Diana fece crescere i suoi figli, ed è ai cancelli di questo edificio reale che ancora oggi i tanti ammiratori lasciano fiori e biglietti in sua memoria. Fino a febbraio 2019 sarà inoltre possibile ammirare, all’interno del palazzo, la mostra Her Fashion Story, dedicata appunto al guardaroba di Lady D. Il Kensington Palace, da lei affettuosamente ribattezzato KP, si trova all’interno dei Kensington Gardens. Qui vive oggi suo figlio William con la duchessa di Cambridge ed i loro tre figli. Fermate metro: High Street Kensington e Queensway.

    https://www.hrp.org.uk/kensington-palace/explore/diana-her-fashion-story/

    Un altro luogo imperdibile è poi la cattedrale di St Paul’s, dove il 29 luglio 1981 la principessa Diana convolò a nozze con il principe Carlo. L’evento fu seguito in mondovisione da milioni di telespettatori. La cattedrale fu preferita a Westminster in ragione della sua maggiore capienza e della possibilità di un più lungo corteo nuziale. Fermata metro: St Paul’s.

    Nell’itinerario che ripercorre la storia di Lady D va quindi inserita l’abbazia di Westminster, luogo del funerale della principessa svoltosi il 6 settembre 1997. È peraltro in questa chiesa che suo figlio William, nel 2011, ha contratto matrimonio con Kate Middleton, oggi duchessa di Cambridge. Fermata metro: Westminster.

    All’interno di Hyde Park si trova poi la Princess Diana Memorial Fountain, il monumento di granito in sua memoria che ospita una grande fontana circolare, disegnato dall’architetto americano Kathryn Gustafson e inaugurato nel 2004 dalla regina Elisabetta. Fermate metro Knightsbridge, South Kensington o Lancaster Gate.

    Se si hanno dei bambini, vale allora la pena rientrare nei Kensington Gardens, dove trova posto anche il Princess of Wales Memorial Playground, ovvero il parco giochi a dedicato a Lady D in virtù del suo amore per i più piccoli. Inaugurato nel 2000, lo spazio ospita un grande galeone dei pirati e sorge a poca distanza dalla popolare statua di Peter Pan. Fermata metro: Queensway.

    Se si è a Londra di domenica, allora merita una visita all’interno pure la Spencer House, suntuosa dimora della famiglia Spencer che fu costruita tra 1756 e il 1766 da Earl Spencer, un antenato della principessa. Trovandosi questo edificio a poca distanza da Buckingham Palace, negli altri giorni si può sempre curiosare dall’esterno passando attraverso Green Park. Fermata metro: Green Park.

    E sempre a poca distanza, si trova anche la Clarence House, dove la Principessa Diana rimase dal momento del suo fidanzamento con Carlo, nel febbraio 1981, fino al giorno del loro matrimonio. Il suo ex marito vive ancora oggi in questa residenza, in compagnia tuttavia della sua seconda moglie, Camilla duchessa di Cornovaglia. Possibile solo sbirciare da dietro i cancelli. Fermata metro: Green Park.

    Gli appassionati della principessa del Galles non mancano inoltre di fare una capatina al Café Diana, una sorta di ristorante da lei assai frequentato, che ospita molte sue immagini e ricordi. Il gestore del locale è ancora lo stesso che era solito servirle la colazione. Indirizzo: 5 Wellington Terrace, W2 4LW. Fermate metro: Queensway o Notting Hill.

    http://www.cafediana.co.uk/

    Per chi ama invece passeggiare, si può percorrere il Diana Princess of Wales Memorial Walk, cioè il sentiero marcato da 90 placche dorate, in memoria di Lady D, che si snoda tra St James’s Park, Green Park, Hyde Park e Kensington Gardens. Lungo circa 11 km, questo percorso fu inaugurato il 30 giugno 2000 alla vigilia di quello che sarebbe stato il suo compleanno numero 39. Fermata metro: St James’s Park.

    Merita infine una visita la National Portrait Gallery, che ospita ritratti e decine di immagini della principessa Diana, spesso immortalata da fotografi come Mario Testino anche durante le sue numerose attività di beneficienza. Fermate metro: Leicester Square o Charing Cross.

    A parte il richiamo con la famiglia Al-Fayed, che fu proprietaria di quel prestigioso megastore, nulla rimane invece della principessa Diana ai magazzini Harrods. La statua innocent victim che la ritraeva con Dodi Al-Fayed è stata infatti rimossa nei mesi scorsi su volontà dell’attuale amministrazione.

    È infine da ricercarsi nei dintorni della città di Nottingham il luogo in cui la principessa Diana fu sepolta. La tomba è ubicata in un’isola al centro di un lago ornamentale, in corrispondenza della tenuta di Althorp, che la famiglia Spencer fece costruire nel 1688. Non è possibile avvicinarsi materialmente alla lapide, ma in estate viene permesso di lasciare fiori alla base di un tempio in stile dorico costruito in prossimità del lago.

    http://www.londrainitaliano.it/nel-northamptonshire-la-tomba-della-principessa-diana/

    Su richiesta, siamo disponibili a predisporre degli itinerari personalizzati lungo i luoghi della principessa Diana a Londra.

    Per info e prenotazioni: londrainitaliano@gmail.com

    Immagini John Mac Intyre, Nick Parfjonov, Maxwell Hamilton, Jordiferrer, Guillaume Piolle, Mark Fosh, Christine Matthews, Andrevruas, Mark Ahsmann, Steve Cadman, Funguyo6, Vards Uzvards, James Denham, Gegodeju, Andrew Walker, Iacihobo.

    Nessun commento su I luoghi della Principessa Diana a Londra

    Read More
  • Perché Terni dovrebbe celebrare il bicentenario di Frankestein

    Giu 26 • Lifestyle • 1511 Views

    Più volte abbiamo sostenuto l’opportunità di tradurre in iniziative culturali le varie testimonianze che grandi personaggi della letteratura, dell’arte e della scienza hanno lasciato circa la loro esperienza di Grand Tour sul territorio di Terni e Narni.

    Eccoci allora a fornire uno spunto importante, che ci auguriamo possa davvero stimolare un programma di eventi per la città di Terni, non solo in ragione della valenza della figura qui in esame, ma soprattutto in virtù di un anniversario letterario celebrato a livello mondiale: da intendersi per noi come doppio laddove ad essere tirata in ballo è la Cascata delle Marmore.

    Il 2018 è l’anno in cui ricorre il bicentenario della pubblicazione di Frankestein, ovvero un romanzo gotico che ha fatto la storia della letteratura internazionale.

    Decine sono nel mondo le iniziative che si stanno organizzando per ricordare la sua autrice Mary Shelley (Londra, 1797–Londra, 1851) in questa significativa ricorrenza.

    Per la città di Terni, l’occasione per celebrare sarebbe addirittura doppia. Il 2018 è infatti anche l’anno in cui ricorre il bicentenario della prima visita dei coniugi Shelley alla magnifica Cascata delle Marmore.

    Giunsero a Terni nel novembre 1818, poco dopo la morte della loro seconda figlia Clara. Diversi testi ricordano la testimonianza di viaggio lasciata in merito dal marito Percy Bysshe Shelley (1792-1822), da considerarsi tra i più celebri poeti lirici del romanticismo britannico.

    Meno attenzione è stata invece riservata alle parole che scrisse Mary circa quella incredibile esperienza, tale da evocarle un richiamo alla poesia greca antica. Di fronte alla bellezza della Cascata delle Marmore e al frastuono delle acque, all’autrice di Frankestein le parse così di immaginare Saffo saltare da una roccia e svanire poi distante in forma di cigno.

    Non solo. I coniugi Shelley vollero ritornare alla Cascata delle Marmore nel giugno 1819, pochi giorni dopo la morte del loro terzo figlio William, avvenuta a Roma. Fu quasi un modo per ritemprare lo spirito dopo la terribile tragedia.

    Oltre per essere stata una grande scrittrice, Mary Shelley è inoltre da ricordarsi in ragione della sua origine. La madre Mary Wollstonecraft (1759-1797) non fu una donna qualsiasi, ma bensì la fondatrice del femminismo liberale.

    Un ultimo particolare. Sono noti i fatti che indussero Mary Shelley a cimentarsi con il suo popolarissimo romanzo. Tutto nacque nel 1816 in una casa sul lago di Ginevra. Mary e il marito erano in compagnia della sorellastra di lei, Claire Clairmont, accompagnata a sua volta dall’uomo con cui aveva una relazione. Costui risponde al nome del poeta Lord Byron (1788-1824), noto tra le altre cose per i canti che volle dedicare alla Cascata delle Marmore.

    Il gruppo convenne di uccidere la noia della stagione piovosa provando a scrivere una storia sul soprannaturale. Chi riuscì meglio nell’impresa fu senza dubbio proprio Mary Shelley, allora diciannovenne, con il suo mostro che ha cavalcato l’immaginario di due secoli di generazioni.

    Come potremmo tramutare tutta questa storia di singolari coincidenze con un programma di eventi culturali da svolgersi sul territorio di Terni entro la fine dell’anno?

    Il sottoscritto, ricercatore di storia locale e presidente dell’associazione culturale Porto di Narni, approdo d’Europa, ha già cominciato a sondare il terreno, chiedendo la disponibilità dei ragazzi con cui insieme stiamo portando avanti la campagna Terni Plastic Free.

    Sarebbe adesso fondamentale se altre persone volessero credere a questa proposta dal basso, potremmo magari costituire un comitato, ed insieme capire come mettere in pratica l’idea.

    Convegni, proiezioni, incontri con le scuole, sono la prima cosa che ci viene in mente. Ne parleremo adesso sui social network, ci farebbe molto piacere se altri Ternani volessero sposare il progetto.

    Siamo dell’idea che Terni abbia un forte bisogno di cultura. Questa doppia celebrazione ci sembra pertanto cadere a pennello.

    Christian Armadori

    Nessun commento su Perché Terni dovrebbe celebrare il bicentenario di Frankestein

    Read More
  • In treno da Paddington a Heathrow: ora è possibile con la Oyster Card

    Mag 21 • Eventi • 2530 Views

    Una buona notizia per chi usufruisce dell’aeroporto di Heathrow.

    Transport for London ha infatti annunciato che è adesso possibile andare in treno da Paddington usando la Oyster Card (dal 20 maggio 2018).

    La novità rientra nell’ambito dei graduali miglioramenti che fanno da preludio all’avvio della Elizabeth Line, previsto per il dicembre 2018.

    Il servizio ferroviario Heathrow Connect è stato rilevato da TFL.

    Usando la Oyster Card, o una carta di credito contactless, da Paddington a Heathrow (e viceversa) si pagherà per il momento £ 10.20 nella fascia oraria peak (lun-ven 6.30-9.30, 16.00-19.00) e £ 10.10 in quella off peak.

    Con la formula del pay-as-you-go, il limite massimo di spesa giornaliera (daily capping) è quello in vigore per la zona 1-6, e cioè £ 12.50. Il turista in arrivo a Londra potrà quindi continuare ad usufruire dei mezzi pubblici per tutta la giornata senza sforare tale cifra.

    Il treno parte da Paddington ogni mezz’ora e raggiunge Heathrow (terminal 2-3-4) in 35 minuti.

    Ferma nelle stazioni di Ealing Broadway, West Ealing, Southall, Hayes&Harlington.

    Questo servizio non è da confondere con il treno Heathrow Express, che impiega invece tra l’aeroporto e Paddington solo 15 minuti. Il prezzo minimo per un biglietto singolo è tuttavia £ 22. La tariffa scende a £ 14.30 se si prenota con almeno un mese di anticipo.

    Un’opzione più economica rimane comunque la metropolitana. Se si prende la Piccadilly Line, usando la Oyster Card con la formula pay-as-you-go, il costo è di £ 5.10 peak e £ 3.10 off peak.

    Da Heathrow terminal 1-2-3, fino alla centralissima Leicester Square, si impiegano però oltre 45 minuti.

    Immagine utente wikipedia Oxyman

    Nessun commento su In treno da Paddington a Heathrow: ora è possibile con la Oyster Card

    Read More
  • TOUR LONDRA REGALE E POLITICA

    Apr 26 • Tour Londra • 7793 Views

    In questa visita guidata di Londra in italiano, della durata di 4 ore circa, vi porteremo alla scoperta di alcuni dei momunenti simbolo della città, quali l’abbazia di Westminster, The House of Parliament con il suo maestoso Big Ben, il celeberrimo Buckingham Palace, sede della famiglia reale.

    Trattasi quindi di un tour classico di Londra, assolutamente indicato per chi non conosce affatto la capitale britannica, e ottimo per coloro che viaggiano con bambini o persone anziane, poiché meno impegnativo del tour di una giornata.

    L’itinerario, completamente pianeggiante, parte solitamente dal suggestivo scenario di Trafalgar Square, la piazza più importante del centro, ai piedi della colonna dell’ammiraglio Nelson.

    Il giro si svolge a piedi, e se fatto di mattina, vi permette di assistere alla consueta cerimonia del Cambio della Guardia, quello tradizionale a Buckingham Palace se in programma quel giorno, oppure quello a cavallo a Horse Guard Parade.

    Durante il percorso, si avrà modo di vedere l’antica residenza regale di St James’s Palace, l’imponente Ruota Panoramica (London Eye), la casa del primo ministro a Downing Street e la bellissima area verde di St James Park.

    I bambini potranno divertirsi con gli scoiattoli e le anatre, incontrare i pellicani e ammirare i soldati a cavallo.

    Sarà quindi effettuata una breve sosta caffè (circa 15 minuti). Questo tour non prevede un’eventuale pausa pranzo. Per chi ha bambini, è pertanto consigliabile portare un panino. Alla fine del giro, sarà poi nostra cura fornirvi utili suggerimenti su dove andare a mangiare.

    Nella seconda parte del tour, si passeggerà tra Leicester Square, China Town e Piccadilly Circus, lungo le strade che sono il cuore della vita notturna londinese.

    Faremo inoltre un salto al pittoresco quartiere di Covent Garden, noto per i suoi artisti di strada.

    E non mancheremo di fornirvi tutti i suggerimenti per lo shopping a Londra!

    Prezzo da £ 80 per due adulti, pagabili alla fine del giro. Nei limiti delle distanze, la tariffa include l’incontro nella zona dove alloggia il cliente. Piccolo sconto per chi prenota due mezze giornate.

    Itinerario non provvisto di copertura assicurativa.

    Per info e prenotazioni: londrainitaliano@gmail.com

    Nessun commento su TOUR LONDRA REGALE E POLITICA

    Read More
  • Cercasi accompagnatori turistici per Londra

    Apr 19 • Eventi • 1970 Views

    Nel desiderio di espandere la nostra rete, cerchiamo accompagnatori turistici in lingua italiana da impiegare su Londra.

    Inviare il proprio CV solo laddove siano soddisfatti tutti i seguenti requisiti:

    -possesso di titolo di guida o accompagnatore turistico (o provata esperienza nel settore).

    -preparazione universitaria.

    -residenza a Londra da almeno un paio d’anni.

    -disponibilità per il fine settimana.

    -buona conoscenza della destinazione da un profilo storico, delle attrazioni principali e dei trasporti.

    -entusiasmo, affidabilità e buona organizzazione.

    -conoscenza della lingua italiana a livello di madre lingua.

    -spirito di squadra.

    Siamo spiacenti, ma per ragioni di tempo, risponderemo solo ai candidati in linea con le credenziali di cui sopra.

    Per favore, evitate di telefonare anche !

    Compensi e giorni di lavoro dipendono dal volume e dall’entità delle richieste.

    Trattasi di una posizione da svolgersi come self employed, di carattere saltuario, non adatta quindi ad un trasferimento dall’Italia.

    Provvederemo noi a fornire il training necessario.

    I candidati ritenuti idonei verranno contattati per un’intervista entro un paio di settimane.

    Inviare il CV e una breve lettera di presentazione a londrainitaliano@gmail.com

    Nessun commento su Cercasi accompagnatori turistici per Londra

    Read More

  • Otto cuori fluttuanti per le vittime dell’attentato di London Bridge

    Apr 2 • Luoghi e Personaggi • 1843 Views

    Un grande lavoro di street art con otto cuori fluttuanti nello spazio per ricordare le vittime dell’attentato terroristico che colpì la zona di London Bridge lo scorso 3 giugno 2017.

    È questo il tributo che lo street artist australiano Jimmi C ha voluto dedicare alle otto persone decedute in quell’attacco.

    L’opera, realizzata in collaborazione con Network Rail sulla parete di un sotto arco ferroviario, può essere ammirata lungo Stoney Street, nella zona del Borough Market, cioè in prossimità del luogo in cui i terroristi seminarono il terrore (fermata metro London Bridge).

    Nelle immediate vicinanze, lo stesso James Cochran (vero nome dell’artista) aveva realizzato nel 2016 un grande ritratto di William Shakespeare, ancora oggi visibile, in occasione della ricorrenza dei 400 anni dalla morte del drammaturgo inglese.

    Jimmi C, facilmente riconoscibile nelle sue opere in virtù dello stile drip painting che le caratterizza, è tuttavia popolare a Londra soprattutto grazie al murales dedicato a David Bowie, nella zona di Brixton, divenuto una sorta di luogo di pellegrinaggio per migliaia di fans dopo la scomparsa del geniale musicista.

    <<L’attacco terroristico ha shoccato tutti quell che amano la nostra città –ha dichiarato lo street artist- è un grande onore per me creare un’immagine durevole per coloro che persero la vita e per lo spirito di Londra nel saper rialzarsi>>.

    Si ricorda come l’attacco fu sferrato da tre terroristi a bordo di un furgone, che travolsero i passanti lungo il London Bridge. Gli stessi terroristi, una volta scesi dal mezzo, e indossando una finta cintura esplosiva, cominciarono poi ad accoltellare le persone che si trovavano nella zona del Borough Market.

    Una pagina triste che la città vuole mettersi alle spalle, ricordando però le otto vittime innocenti del folle attentato di London Bridge. Con una nuova opera che aggiunge ulteriore valore, e colore, alla vivacissima scena della street art a Londra.

     

    Nessun commento su Otto cuori fluttuanti per le vittime dell’attentato di London Bridge

    Read More
  • Dove cercare la tomba di Anna Bolena

    Mar 24 • Luoghi e Personaggi • 1117 Views

    Delle sei spose avute da Enrico VIII, sovrano di Inghilterra all’epoca Tudor, quella che più suscita interesse e compassione è sicuramente Anna Bolena, sua seconda moglie.

    Deluso per non avere avuto l’erede maschio tanto desiderato, e infatuato da quella che poi sarebbe divenuta la sua terza consorte (Jane Seymour), il re trovò il sistema per liberarsi di Anna Bolena accusandola di adulterio, incesto, stregoneria e alto tradimento, ovvero una serie di imputazioni ritenute poi dagli storici per nulla attendibili.

    Anna, pur proclamando fino all’ultimo la sua innocenza, venne quindi rinchiusa nella Torre di Londra, dove fu giustiziata con un colpo di spada al collo la mattina del 19 maggio 1536.

    Sebbene si stesse trattando di una regina, nessuna cerimonia venne indetta per il suo funerale, e non fu predisposta neppure una bara, ciò in considerazione delle pesanti accuse che gravavano sulla Bolena.

    La decapitazione fu una procedura privata alla quale assistettero solo poche persone. Si racconta che la testa ed il corpo della Bolena furono poi avvolti in un telo bianco da una delle sue dame e collocati in una cassa di legno di elmo.

    La domanda che ancora oggi appassiona gli storici riguarda il luogo dove le spoglie vennero quindi effettivamente collocate.

    Dove è sepolta Anna Bolena ?

    Secondo la tradizione, i resti della regina vennero interrati in una tomba anonima presso la chiesa di San Pietro ad Vincula, cioè la cappella reale della Torre di Londra, che era stata completata nel 1520. La cassa di Anna sarebbe stata posta sotto al pavimento della chiesa, in corrispondenza del coro, accanto alle spoglie di suo fratello George, giustiziato solo quattro giorni prima.

    Della tomba di Anna Bolena tornò quindi a parlarsi solo nel 1876, nel momento in cui l’allora regina Victoria ordinò il restauro della chiesa di San Pietro ad Vincula.

    Fu in quel momento che i corpi ivi custoditi furono esaminati e identificati, tra cui appunto quello di Anna Bolena. Alla sfortunata regina venne quindi riservata una sepoltura sotto il pavimento marmoreo della cappella, oggi facilmente riconoscibile grazie alla presenza di una placca commemorativa (vedi foto in copertina).

    Non tutti gli storici sono tuttavia concordi sul fatto che quello rinvenuto in epoca vittoriana fosse realmente lo scheletro di Anna Bolena.

    Esistono anzi alcune leggende popolari, che narrano di luoghi diversi dove la regina sarebbe invece sepolta.

    La più accreditata è quella che indica come luogo di sepoltura la chiesa del piccolo villaggio di Salle, nella contea del Norfolk, dove la famiglia Boleyn viveva fin dal 1318.

    Alcuni amici della vittima, in gran segreto, avrebbero allora riesumato le spoglie di Anna, per poi condurle in questa località, dove la regina sarebbe stata sepolta a mezzanotte accanto alla tomba Geoffrey Boleyn, suo bisnonno, nonché patrono dell’edificio di culto (in foto).

    Tale leggenda avrebbe poi trovato fondamento anche grazie ad un articolo scritto nel 1848 dal grande novellista Charles Dickens.

    Ancora oggi, si dice che il fantasma della Bolena vaghi per la chiesa di Salle ogni anniversario della sua morte.

    Curioso tuttavia segnalare come, sulla base di un racconto popolare del XVIII secolo, per un certo periodo si sia perfino ritenuto che Anna Bolena fosse stata condannata a bruciare in eterno tra le fiamme dell’Etna, come punizione per aver fatto allontanare il re Enrico VIII dalla chiesa cattolica.

    Questa storia era molto in voga tra i contadini di Nicolosi, cittadina della provincia di Catania che sorge proprio sulle pendici del noto volcano.

    Un’ultima voce racconta invece di come Anna Bolena avesse chiesto a suo zio –Philip Parker- di far conservare il suo cuore presso la chiesa di St. Mary a Erwarton (in foto), nella contea del Suffolk, villaggio in cui la regina aveva passato diverso tempo insieme al suo crudele marito.

    La tomba ufficiale di Anna Bolena rimane quindi quella di San Pietro ad Vincula. Qui riposano anche altre vittime illustri di Enrico VIII, quali la sua quinta moglie Catherine Howard ed i martiri cattolici Tommaso Moro e John Fisher.

    La chiesa è visitabile dietro pagamento del biglietto di accesso alla Torre di Londra. Si deve tuttavia seguire uno dei tour condotti dagli Yeoman Warder, i guardiani della fortezza, conosciuti anche con l’appellativo di Beefeaters.

    Immagini Onthetudortrail.com, Robert Edwards, Evelyn Simak, National Portrait Gallery e Google Cultural Institute.

    Nessun commento su Dove cercare la tomba di Anna Bolena

    Read More
  • La tomba di Stephen Hawking troverà posto a Westminster

    Mar 21 • Luoghi e Personaggi • 948 Views

    Le ceneri dell’astrofisico Stephen Hawking saranno deposte presso l’abbazia di Westminster, accanto a quelle di due altri grandi scienziati quali furono Isaac Newton e Charles Darwin.

    La cerimonia si terrà entro la fine del 2018.

    È questo il tributo che la chiesa anglicana ha voluto riservare al teorico britannico dei buchi neri, morto nei giorni scorsi a Cambridge all’età di 76 anni.

    <<Crediamo che sia vitale che la scienza e la religione lavorino insieme per cercare le risposte ai grandi misteri della vita e dell’universo>>, ha dichiarato John Hall, decano reverendo di Westminster.

    I funeral di Hawking si svolgeranno invece il 31 marzo a Cambridge, presso Great St. Mary, la chiesa della prestigiosa università dove egli ha insegnato per 50 anni.

    Ritornando alle tombe di Westminster, Newton era stato sepolto nell’abbazia nel 1727, mentre Darwin vi era arrivato nel 1882.

    In copertina la tomba di Newton (immagine FlickreviewR).

    I resti di altri scienziati sono conservati nello stesso angolo dell’edificio, tra i quali i fisici atomici Ernest Rutherford (morto nel 1937) e Joseph John Thomson (morto nel 1940).

    Nessun commento su La tomba di Stephen Hawking troverà posto a Westminster

    Read More
  • TOUR LONDRA IN UN GIORNO

    Mar 18 • Tour Londra • 7720 Views

    Avete solo poco tempo a disposizione e non avete le idee chiare su cosa vedere a Londra in un giorno? La lingua inglese costituisce un ostacolo? Niente paura, basta solo scegliere una visita guidata di Londra in italiano!

    Date allora un’occhiata alla nostra proposta, che è mirata a farvi vedere molte delle attrazioni principali nell’arco di un solo giorno.

    Con il supporto di un nostro accompagnatore, non solo potrete meglio capire la storia e l’anima di questa incredibile città, ma anche risparmiare sui tempi e massimizzare il vostro soggiorno.

    La prima parte dell’itinerario, della durata di circa 7 ore, ha un carattere classico, e si svolge lungo le strade della City of Westminster.

    Il tour di Londra comincia solitamente da Piccadilly Circus, in virtù della sua posizione centrale. Qui potremmo ammirare i grandi tabelloni luminosi che rendono popolare questa piazza, cuore della movida notturna londinese.

    Attraverseremo quindi St. James’s Park, cioè il più antico dei parchi reali voluti dal re Enrico VIII, dove i bambini potranno giocare e fare foto con i tanti scoiattoli che scorrazzano nel prato. Una volta a Buckingham Palace, ripercorreremo le vicende della casa reale, e daremo un’occhiata anche alla Clarence House, dove risiedono il principe Carlo e sua moglie Camilla.

    E assisteremo pure al Cambio della Guardia, una delle tradizionali cerimonie connesse alla monarchia, quello classico a Buckingham Palace se in programma quel giorno, oppure quello a cavallo che si svolge a Horse Guard Parade, in base appunto al calendario.

    Eccoci dunque arrivati a Parliament Square, piazza patrimonio dell’Unesco, che ci darà la possibilità di conoscere due dei grandi monumenti della città, ovvero l’Abbazia di Westminster, dove sono sepolti molti dei sovrani britannici, e la Casa del Parlamento, con il suo popolarissimo Big Ben.

    Da qui giungeremo a Trafalgar Square, nota per l’imponente colonna dedicata all’ammiraglio Nelson, e che ospita una delle più prestigiose gallerie al mondo, vale a dire la National Gallery.

    Ci prenderemo quindi una pausa pranzo, non prima però di avervi fornito tutte le indicazioni per lo shopping a Londra!

    Ricomposto il gruppo dopo la sosta, prenderemo un autobus per recarci nella City of London, cuore finanziario della capitale, nonché primo nucleo abitativo dell’antica Londra romana.

    Nel percorso andremo ad ammirare la maestosa Cattedrale di St Paul’s, la cui cupola è seconda solo a quella di San Pietro a Roma. Attraverseremo quindi il Tamigi, servendoci del ponte pedonale Millenium Bridge, per  giungere alla Tate Modern, galleria di arte moderna dove rapidamente vedremo alcune delle opere più significative, come ad esempio i capolavori della Pop Art. Imperdibile inoltre la veduta dal balcone al decimo piano!

    Dopo essere passati davanti al Globe, che riproduce fedelmente il teatro dove Shakespeare mise in atto le sue rappresentazioni, continueremo lungo il corso del fiume fino a giungere alla base dello Shard di Renzo Piano, immenso grattacielo alto 310 metri.

    L’itinerario non potrà che concludersi con altre due famosissime attrazioni della capitale: l’imponente Tower Bridge, ponte levatoio completato nel 1894 che si apre al passaggio di grandi imbarcazioni, e la Torre di Londra, antica fortificazione medievale che racchiude in sé i gioielli della corona, storie sanguinarie e misteriose leggende.

    Il tour guidato di Londra comincia con l’incontro con l’accompagnatore intorno alle 9.30, e si conclude alle 16.30 circa. I prezzi variano da £ 110 per una coppia di 2 adulti a £ 280 per un gruppo di 20 componenti.

    Si tenga tuttavia presente come l’itinerario sia piuttosto impegnativo se fatto con bambini piccoli o persone anziane. In questi casi, consigliamo meglio tour di mezza giornata, con possibilità di leggeri sconti laddove si prenoti più di una visita.

    Qualora lo riteniate opportuno, ma nei limiti delle distanze, siamo disponibili a venervi ad incontrare direttamente nella zona dove alloggiate, senza alcun prezzo aggiuntivo. Vi aiuteremo anche con l’acquisto della tessera Oyster Card per i trasporti. E vi forniremo tutti i suggerimenti per continuare bene la vostra permanenza.

    Itinerario non provvisto di copertura assicurativa.

    Non perdete l’occasione di visitare Londra in un giorno a prezzi imbattibili!

    Per info e prenotazioni: londrainitaliano@gmail.com

    Di seguito alcune delle attrazioni che andremo a vedere nel tour classico di una giornata:

    Piccadilly Circus

    St. James Park

    Buckingham Palace (dall’esterno) + cambio della guardia se previsto quel giorno

    Abbazia Westminster (dall’esterno)

    Big Ben e Casa del Parlamento (dall’esterno)

    Trafalgar Square

    Cattedrale St. Paul (dall’interno in determinati orari)

    Millennium Bridge

    Tate Modern (breve visita con panorama dal terrazzo)

    Globe Theatre (dall’esterno)

    Grattacielo Shard (dall’esterno)

    Tower Bridge

    Torre di Londra (dall’esterno).

    Nessun commento su TOUR LONDRA IN UN GIORNO

    Read More